Che rapporto avete con la vostra banca? Secondo Abi, anche in questo settore sempre più clienti usano le possibilità che gli istituti di credito offrono on line. Niente più file, meno contanti da trasportare con rischi annessi e connessi, tempi risparmiati notevolmente. Gli smartphone e i tablet invadono anche il settore della finanza, ad alti e bassi livelli, compreso il rapporto tra cliente e la propria banca di ogni giorno. Il mobile banking insomma è sempre più diffuso e l conferma il fatto che l’anno scorso sono cresciuti di oltre l’80% i clienti che accedono alla banca tramite mobile, da casa, in ufficio o per strada, tramite smartphone e tablet.

Lo sostiene il rapporto di Abi Lab, secondo cui il campione di banche, rappresentativo di circa il 50% del mondo bancario, ha messo chiaramente in evidenza come ci sia una crescita annua dell’82% dei clienti attivi su questo tipo di canale. Ovviamente in tutto questo hanno grosso merito le app che continuamente vengono aggiornate e sviluppate per essere sempre più utili e comode per i clienti. E anche per le banche si ratta di un’ottima soluzione. Nel 2014 sono state scaricate in media circa 8.800 App al giorno, (+17%) e la sensazione è che si tratta di numeri che sono destinati a continuare a crescere.

Secondo la ricerca, addirittura il 43% degli utenti di mobile banking da smartphone utilizza anche un’App complementare a quella tradizionale per avere rapporti con la propria banca. Per App alternative si intendono quelle che si usano per i pagamenti (nel 55% dei casi), la gestione della finanza personale (50% dei casi per gli smartphone e 52% per i tablet), l’assistenza clienti (32 e 38%) e all’operatività sui mercati (entrambi al 24%). Lo sviluppo di queste app è certamente fondamentale per alimentare la diffusione di questo tipo di utilizzo da parte die clienti nei confronti degli istituti di credito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.