Dismaland è il risultato del genio di Banksy, risposta provocatoria in tema parco giochi al mondo Disney. Chi se non l’originale artista inglese poteva creare in uno spazio di oltre un ettaro sulla spiaggia di Weston-super-Mare, località poco turistica dell’Inghilterra occidentale, una Disney al contrario con le sue installazioni.

Certo qualcosa si doveva intuire dal gioco di parole con cui viene parafrasato lo stile Disney, perchè ‘dismal’ in inglese vuol dire ‘tetro’. Turbare, inquietare, far riflettere è lo scopo delle sue opere. Il parco ospita i maggiori artisti contemporanei, 58, amici di Banksy, come Damien Hirst, Jenny Holzer e Jimmy Cauty.

E così si va da un castello delle fiabe poco fiabesco, a un laghetto che andrebbe chiamato stagno, fino a una Sirenetta bella a modo suo, considerato che è irriconoscibile. Cenerentola non poteva mancare, ma è priva di vita perchè la sua carrozza forse ha provato a portarla al ballo con troppa fretta, e l’ex allegra compagnia è rimasta coinvolta in un terribile incidente in cui sono morti tutti, dalla (futura, ma ormai non potrà più esserlo) principessa, fino al cocchiere e i cavalli. E il fatto che siamo in Inghilterra e ci siano i paparazzi a scattare fotografie non può non far pensare a una citazione del tragico epilogo di Lady Diana.

Dismaland resterà aperto per sei settimane e avrà un prezzo per l’ingresso ‘popolare’ a tre sterline. Perfetto per gli appassionati d’arte, ma per carità non portateci i bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.