Chiamatela prudenza, esperienza, paura, maniavantismo. Fatto sta che Buffon, nonostante l’ottimo avvio di stagione con la vittoria in Supercoppa Italiana ai danni della Lazio (che contro il Bayer Leverkusen nei preliminari di Champions ha dimostrato, nonostante le assenze, di essere ancora un’ottima squadra) teme che quest’anno la Juventus possa avere qualche problema in più nella cavalcata, facile negli scorsi anni, verso lo scudetto.

Discontinuità è la parola d’ordine di quest’anno: se l’anno scorso con il cambio tra Conte e Allegri si è cercato di cambiare meno possibile, nel modulo e negli uomini, quest’anno le cose non potranno essere simili agli anni passati che hanno portato 4 scudetti consecutivi. Sono andati via Tevez, Pirlo e Vidal. La finale di Champions persa è stato anche troppo rispetto alle ambizioni iniziali: ripetersi sarà difficilissimo.

tevez-pirlo-vidal

Gigi Buffon mette in guardia i tifosi, sapendo che prima o poi qualcosa cambierà nelle gerarchie del calcio italiano: “Non possiamo dire se siamo più forti o più deboli, sono partiti tre giocatori importanti, ne sono arrivati altri con caratteristiche diverse. Non vogliamo abdicare, anche se inevitabilmente avremo qualche problema in più perché abbiamo cambiato parecchio”.

Sulla strategia scelta da dirigenza e allenatore è d’accordo: “Ci sono momenti storici in cui si deve osare e occorre programmare a lunga scadenza, quindi la società ha fatto bene. Non si può vincere all’infinito, anche quando se si è i più forti. Abbiamo cambiato tanto e poi le concorrenti si sono rinforzate, hanno cominciato un percorso tutto nuovo”.

Poi un giudizio sulle avversarie, che questa volta, al contrario degli scorsi anni, non sembra una dichiarazione di facciata: “La Roma si è rinforzata e anche il Milan, con il progetto tutto nuovo di Mihajlovic, senza le coppe potrà fare molto bene. Abbiamo massimo rispetto verso tutti quelli che ci contenderanno il titolo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.