Syd Barrett, storico fondatore dei Pink Floyd, a distanza di molti anni dalla sua morte continua a far parlare di se. L’artista è al centro di un nuovo studio intitolato “Syd Barrett: was he suffering from schizophrenia or Asperger’s syndrome?” ricerca pubblicata da Mario Campanella su Clinical Neuropsychiatry, finalizzata a comprendere meglio la vera natura dei problemi psichiatrici che lo hanno portato alla prematura scomparsa.

Per fare questo, Campanella ha analizzato comportamento e abitudini dell’ex Pink Floyd sostituito da David Gilmour nel 1968. Ebbene pare proprio che non soffrisse di schizofrenia, tesi che smentirebbe quanto sostenuto per molti anni nel corso di molte ricerche.

La notizia è stata riportata da Repubblica.it. Barrett è scomparso il 7 luglio 2006 all’età di 60 anni, e i suoi ex compagni di band gli dedicarono la canzone Shine on you crazy diamond, contenuta nello storico album wish you were here. Campanella sostiene che probabilmente Barret soffrisse sindrome di Asperger, un disturbo imparentato con l’autismo.

I sintomi principali sono il portamento ondulare, il bisogno di isolarsi e l’attrazione per la pittura. Ma anche un genio incredibile, che nel caso di Syd Barret si manifestò con musica e scrittura.

«La sinestesia», afferma Campanella, «la sua passione per i colori, il portamento ondulante tipico degli aspergeriani, l’isolamento, l’attrazione per la pittura fanno propendere per l’ipotesi dell’Asperger. L’Asperger può essere ad alto funzionamento sociale ma, nella fattispecie, fu complicato da un uso smoderato di droghe e dalla co-presenza di un disturbo di personalità di cluster A. Del resto non vi è mai stata prova che Barrett fosse stato ricoverato in un ospedale psichiatrico, non ha mai ricevuto diagnosi di psicosi e i fenomeni allucinatori e deliranti citati nella sua biografia sarebbero ascrivibili al lungo periodo nel quale assunse stupefacenti».

All’interno della pubblicazione coordinata da Donatella Marazziti, direttore scientifico della Fondazione BRF Onlus, si parla anche dell’episodio durante il quale fece visita al musicista di Richard Laing, famoso psichiatra scozzese autore de L’io diviso. Laing non formulò alcuna diagnosi psicotica, considerato che la sindrome di Asperger è considerata un disturbo pervasivo dello sviluppo.

Syd Roger Barrett era nato a Cambridge nel 1946.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.