Malinteso o marcia indietro colossale dopo le proteste dei fan? C’è chi parla addirittura di un episodio che non vedremo mai in onda, quello di Marge e Home che divorziano, nella prossima serie dei Simpson, la famiglia in cartoni più amata del mondo. Ma andiamo con ordine. Qualche giorno fa Variety sosteneva che Marge e Homer Simpson si separeranno dopo 27 anni di matrimonio a causa della narcolessia di lui. Non solo: altri dettagli rivelavano che l’addio Homer si innamorerà della sua farmacista che avrà la voce di Lena Dunham, l’attrice protagonista della serie americana Girls.

Una notizia che ha fatto in breve tempo il giro del mondo, insieme a quella secondo cui Bart verrebbe ucciso nella prossima serie da Telespalla Bob. Ma questa notizia faceva meno paura, non perchè di Bart non gliene importa niente a nessuno ma semplicemente perchè si tratterebbe di una parentesi “senza conseguenze” di uno speciale di Halloween in cui come sempre ne accadono di tutti i colori senza conseguenze. Invece il divorzio tra Homer e Marge sarebbe reale, e potrebbe lasciare il segno. Pochi ricordano che in realtà una cosa simile è già avvenuta: Homer, all’insaputa di Marge chiese il divorzio per poterle regalare un nuovo matrimonio come si deve.

Fatto sta che dopo le rivelazioni al settimanale Variety, tuttavia, è arrivato il dietrofront da parte del produttore esecutivo dei Simpson, Al Jean, il quale, tramite Twitter, ha spiegato di «non aver mai detto» che Homer e Marge si sarebbero lasciati: «Ho detto che sono più grandi di Gesù», ha poi aggiunto il produttore.

Non solo: sull’account Twitter ufficiale della serie è Bart Simpson a smentire la notizia con una delle famose gag della lavagna: «Homer and Marge are not breaking up», «Homer e Marge non si lasciano», ha scritto, mentre sotto la foto c’è la scritta «stop the rumors», «fermate i pettegolezzi». Difficile capirne qualcosa, nel frattempo i produttori hanno ottenuto quello che volevano, un bel po’ di pubblicità gratuita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.