Di tumore non si guarisce, la strada che ho davanti è ancora lunga e ho fatto solo una tappa. Emma Bonino sente il bisogno di ridimensionare l’entusiasmo delle parole di qualche giorno fa, quando volle condividere con l’opinione pubblica l’ottima notizia ricevuta dai medici che le avevano comunicato l’esito positivo delle prime cure per il suo tumore al polmone sinistro. L’esponente dei radicali, aveva raccontato a inizio anno a una radio della scoperta del suo male, e delle cure chemioterapiche che l’attendevano.

“Io non sono il mio tumore, come non lo sono tutti i malati”. Emma Bonino aveva dunque annunciato di voler continuare a svolgere le sue attività e assolvere ai suoi impegni, compatibilmente con le cure che avrebbe dovuto affrontare. Poi qualche giorno fa la buona notizia: “Oggi è un bel giorno per me. Gli esami clinici e la Tac fatti in questi giorni evidenziano una disapparizione di ogni evidenza di cancro, e quindi è il meglio che mi potevo aspettare. Il mio è anche un messaggio di speranza che voglio dare a tutti quelli che a milioni stanno seguendo dei percorsi e delle terapie per questo tipo o altro tipo di sfide che ci troviamo ad affrontare. Però è certamente un bel giorno per me, mi consente anche di dedicarmi un po’ di più, appena recupererò un po’ di forze, alle attività politiche che mi stanno a cuore ed è anche un messaggio di incoraggiamento, di speranza e di grazie a tutti quelli che mi sono stati vicini in questo lunghissimo periodo che sembrava non finire mai, un incoraggiamento a chi sta affrontando le stesse sfide. Grazie a voi e grazie di avermi aiutato a poterlo dire e a poterlo far sapere come messaggio di speranza”.

Poi la precisazione: «Ho fatto la prima tappa, che è stata molto positiva, so che il percorso è ancora lungo, che ci vorrà altrettanta disciplina. So che le ricadute nel primo anno sono altissime, quasi l’80%».

Comunque una grande testimonianza e un segnale di coraggio per tutti coloro i quali sono nella sua situazione e lottano per continuare a vivere una vita normale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.