Senza nemmeno troppo clamore, Whatsapp, popolare servizio di messaggistica istantanea, ha iniziato a implementare su Android il servizio di chiamate vocali gratuite, ennesima rivoluzione che minaccia di cambiare ancora il mondo della comunicazione mobile. In questi giorni, gli utenti possessori di dispositivi con sistema operativo Andorid, hanno visto comparire il menu in alto sul quale campeggia l’opzione chiamata.

Tra diffidenza e sorpresa, iniziano le prime sperimentazioni, frenate dalla voce che avvertiva dell’esistenza di virus truffaldini che si spacciano come servizio di chiamate Whatsapp essendo invece tutt’altro. Di catene di Sant’Antonio per l’attivazione del servizio se ne sono viste parecchie negli ultimi mesi, ma se vi compare l’opzione nella parte superiore della schermata, vuol dire che la vostra app è aggiornata e pronta a iniziare a chiamare coloro i quali sono anch’essi su Whatsapp.

Un altro duro colpo per le compagnie telefoniche “classiche” che adesso dovranno rivedere ancora le loro tariffe e inevitabilmente adeguarsi, considerato che Whatsapp ce l’hanno ormai tutti e quindi la telefonata classica diventa una necessità sempre meno pressante. Ci sarà respiro fino a quando non si adeguerà anche il sistema operativo iOs, per il momento fuori dai giochi. Ma la sensazione è che arriverà anche per iPhone e simili a breve.

Nel frattempo iniziano ad arrivare le prime chiamate, timide, tra coloro i quali vogliono provare il servizio, con molti utenti che restano sorpresi dalla notifica della chiamata ricevuta su Whatsapp essendo praticamente all’oscuro del nuovo servizio. Che promette di moltiplicare ulteriormente il successo della app con l’icona verde, ormai vero e proprio incubo delle compagnie telefoniche, che dopo aver visto crollare il valore della messaggistica adesso sono a un passo da un crollo anche per quel che riguarda le chiamate vocali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.