Se fino a qualche tempo fa non farsi la barba era considerato un segnale di trascuratezza, impossibile da conciliare con impegni lavorativi e serate mondane, negli ultimi anni si assiste a un vero e proprio boom di un nuovo tipo di look, che va dalla ricrescita di qualche giorno a vere e proprie barbe cosiddette “hipster”.

Nulla di male se non fosse che secondo alcuni esperti, questa moda potrebbe comportare il rischio di lasciar proliferare batteri che alla lunga risulterebbero dannosi. Certo è facile immaginare che in una barba così folta e ispida, come quella del calciatore Davide Moscardelli (nella foto), il primo a sdoganare la barba da boscaiolo negli ultimi anni, si possa depositare un po’ di tutto.

Se l’igiene personale può preservare da depositi di polvere o cibo, nulla si può contro gli invisibili batteri, come ad esempio quelli che possono restare intrappolati magari dopo uno starnuto o dopo che ci si è soffiati il naso.

Lo sostiene Anthony Hilton, capo del dipartimento di biologia dell’Aston University (Gb), autore di uno studio pubblicato su ‘Anaesthesia’.

Hilton spiega che:

“Dai risultati è emerso che gli uomini con la barba ospitano sul viso un numero significativo di batteri, molti più degli uomini senza barba e delle donne, circa 20mila. La barba ospita più batteri rispetto a un viso ben rasato anche dopo averla lavata i germi rimangono un pericolo per la pelle. Se si è raffreddati è facile che gli Stafilococchi, batteri che causano diverse malattie, rimangano intrappolati a lungo nei peli. E se si bacia una persona ecco che si diffonde il batterio”.

A dar man forte a Hiltn ci sono Ron Cutler, specialista dell’Università Queen Mary di Londra e la tricologa Carol Walker. Tutti daccordo quindi? Nemmeno per idea, perchè secondo Hugh Pennington, professore emerito di batteriologia dell’Università di Aberdeen, non ci sarebbe alcun rischio.

Sostiene Pennington (che per la cronaca non ha nemmeno un filo di barba, dunque non è di parte):

“Ci sono gli stessi batteri che vivono sul derma del viso. La barba non è un problema d’igiene nè un rischio per la salute”.

Insomma potete assecondare i vostri gusti in termini di look, senza considerare che questa nuova moda ha consentito anche ai più pigri di sottrarsi dall’impegno quotidiano di radersi. Al di là dell’estetica. Sempre che la vostra partner non abbia da ridire. Ma sembra che anche alle donne questa nuova tendenza piaccia, magari meglio se non proprio portata all’eccesso.

A proposito, ma cosa vuol dire hipster? L’accademia della Crusca lo definisce così:

“Giovane tendenzialmente disinteressato alla politica e con velleità fortemente anticonformiste, che si riconosce per atteggiamenti stravaganti e abbigliamento eccentrico e variopinto”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.