Grande spavento ma alla fine nessuna grave conseguenza per l’attore americano Harrison Ford, vittima di un incidente aereo a Venice, in California. Il 72enne interprete di celebri pellicole come Indiana Jones e Blade Runner è rimasto ferito in seguito all’impatto. L’attore secondo quanto riferito, era cosciente quando è stato soccorso, ma aveva perso molto sangue soprattutto dal volto. Ford avrebbe riportato diversi, tagli profondi alla testa ed è stato ricoverato in un vicino ospedale.

“L’incidente è avvenuto alle 14,25 locali (le 23,25 in Italia) a causa di un malfunzionamento meccanico che ha causato l’accaduto”.

spiegano le fonti ufficiali.

La notizia è subito rimbalzata su tutti i principali media Usa per poi essere ripresa in Europa e in tutto il mondo. La popolarità dell’attore è planetaria è dunque l’apprensione per le sue condizioni di salute ha attraversato tutto il pianeta. Il figlio Ben si è limitato a un messaggio su Twitter:

“Papà sta bene. Un po’ malconcio, ma Ok. Un uomo incredibilmente forte”.

Secondo la ricostruzione di quanto accaduto, Harrison Ford era alla guida di un piccolo monomotore risalente alla II Guerra Mondiale, un velivolo d’epoca dunque, che evidentemente non garantiva la necessaria sicurezza per un volo. Il mezzo sarebbe precipitato sul green di un campo di golf, fortunatamente, senza dunque coinvolgere persone o cose nell’impatto.

Secondo alcuni testimoni che hanno assistito alla vicenda, l’aereo sarebbe decollato dal vicino aeroporto di Santa Monica. Ma subito ci si è accorti che il motore perdeva progressivamente potenza, e infatti il pilota stava invertendo la rotta, nel tentativo di effettuare un atterraggio d’emergenza.

Harrison Ford aveva segnalato di avere problemi tecnici, ma evidentemente il tempo non è stato sufficiente per rientrare o quantomeno atterrare in maniera normale. Harrison Ford non è l’unica star di Hollywood con la passione per il volo: anche Arnold Schwarzenegger, Tom Cruise e John Travolta sono abituali frequentatori delle piste di decollo private.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.