Non poteva lasciarsi sfuggire una ghiotta occasione come questa Maurizio Crozza. Il comico, durante il suo show su La7 “Crozza nel Paese delle meraviglie”, ha riproposto un suo cavalla di battaglia, l’imitazione di Arrigo Sacchi. Spunto per lo sketch, le parole al centro di polemiche feroci dell’ex ct azzurro e allenatore del Milan riguardo la presenza di stranieri nel nostro campionato e soprattutto nel settore giovanile.

Arrigo Sacchi, che si occupa appunto dei ragazzi per la Figc, qualche giorno fa aveva avuto modo di spiegare nel corso di un’intervista come a suo modo di vedere il calcio italiano fosse in forte difficoltà a causa dell’elevato numero di ragazzi provenienti da altri Paesi nei settori giovanili, che tolgono inevitabilmente spazio ai giocatori italiani. Per rafforzare il concetto, l’ex ct della nazionale aveva puntato il dito contro l’elevato numero di giocatori “di colore”, scatenando inevitabilmente un putiferio di polemiche e reazioni.

Nei giorni seguenti Sacchi, ospite fisso a Mediaset Premium, aveva avuto modo di spiegare il suo concetto, ribadendo di non essere razzista e di avere una storia professionale e umana che lo dimostrava. Ma confermando di temere per il futuro del calcio italiano se non verrà regolamentato il numero di stranieri nel nostro campionato, soprattutto nel settore giovanile.

Insomma con altre parole, ma un po’ quello che il presidente della Figc Tavecchio aveva espresso qualche mese fa, parlando dell’ormai famoso “Opti Pobà”, scatenando le reazioni anche dell’Uefa, da sempre impegnata contro il razzismo.

Crozza ha approfittato dell’equivoco per riproporre l‘imitazione di Sacchi, che ormai fa da diversi anni, andandoci decisamente giù duro e disegnando un “Arrighe”, come lo chiama lui, decisamente razzista. Ecco il video tratto dalla trasmissione di La7 “Crozza nel paese delle meraviglie”:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.